Follow by Email

Ciao sono Rita, ho 4 figli, 3 nipotini, amo cucinare, riciclare e condividere le mie preparazioni

Translate

martedì 28 aprile 2015

Lumache alla palermitana " babbaluci"

E' un piatto della tradizione culinaria palermitana che potrebbe provocare critiche da parte di animalisti e vegetariani ma non possiamo esimerci dal postarne la ricetta, ancor più in considerazione del fatto che viene consumato soprattutto il 15 di luglio giorno del "Festino di Santa Rosalia" patrona di Palermo.
Sono super buone, non fatevi scoraggiare dai passaggi perchè è facilissimo realizzarle.
 


Ingredienti:
1 kg di lumache ( vanno acquistate almeno dai 2 ai 3 giorni prima del consumo)
pangrattato
sale, pepe
3/4 spicchi di aglio, 
olio di oliva extravergine
prezzemolo e foglie di menta.

Procedimento:
Le lumache vanno poste dentro ad un colapasta, con un capace piatto sotto e vanno cosparse di pangrattato e coperte da un pesante coperchio altrimenti fuoriescono.
Il pan grattato dovrà essere cosparso ancora per almeno 2 giorni.
Il terzo giorno lavare le lumache in abbondante acqua, sciacquandole sfregandole leggermente tra loro e ponendole in una bacinella e poi ancora nell'acqua pulita e così via per diverse e diverse volte sino a che l'acqua non rimanga limpidissima.
Metterle in un tegame coperte d'acqua e lasciarle qualche minuto sino a che esse non si "risveglieranno" e cominceranno a muoversi. 
A questo punto porre il tegame sul fuoco più basso possibile e quando la grande maggioranza di esse sarà in movimento, passare il tegame repentinamente sul fuoco più alto del vostro piano di cottura.
Durante la cottura si formerà della schiuma ( tanto bianca quanto pulite saranno le lumache) che andrà man mano tolta.
Lasciar bollire per circa 15 minuti, quindi salare e scolarle ma non proprio del tutto.
Metterle in una ciotola e condirle con olio, aglio, sale, pepe, prezzemolo e mentuccia.
Lasciarle intiepidire prima di servire.